Veranstaltung Maliseti Prato

Höhenprofil (94 m bis 1.912 m)

Höhendifferenz

1.818 m

Gesamtanstieg

4.752 m

Gesamtabstieg

3.452 m

GPSies-Index 44,12 ClimbByBike-Index 131,38 Fiets-Index 5,67


Über diese Strecke

Qualität der Strecke
Länge
69,41 km
Geo-Koordinaten
8642
Angezeigt
758 mal
Herunter geladen
261 mal

Bewertungen

Landschaft
(1)
Anspruch / Kondition
(2)
Technik
(1)
Spaßfaktor
(1)
Strecken-Beschreibung
(0)
Einweg-Strecke

69,41 km

Aktivität, geeignet für

Download als
Entfernung mit Geländesteigung
Strecke melden
Keine Reduzierung, alle Punkte werden ausgeliefert (Anzahl der Punkte: 8642)
  • oder

 

Strecke glätten
Beschreibung der Strecke

Per poter vivere la corsa è necessario capire il perchè è nato questo progetto, perchè si chiama "Trail del Malandrino" e quale è lo spirito che ci porta a realizzare tutto ciò. Doveroso quindi il riferimento alla Storia di queste lande e dei sentieri attraversati. Lungo questi crinali passarono Annibale ed il suo esercito di Elefanti, si sono combattute battaglie dolorose in uno spartiacque importantissimo nella seconda guerra mondiale ma più di tutti ci ha affascinato il periodo a cui sono legati i nomi della maggior parte di questi monti:

Fin dal 1222, è documentata l'esistenza di una strada che da Orsigna (Pistoia) arrivava fino a Monteacuto delle Alpi (Bologna) passando dal Termine (cai 143), Porta Franca (cai 101), il passo del Lupo (Cai 111) e il passo della Donna Morta (Cai 111) [per proseguire ai "Balzi dell'Inferno" e lungo il "poggio delle scodelle"]: si trattava di una delle principali vie di comunicazione fra il territorio di Pistoia e il comune di Bologna, ossia di una sorta di "autostrada del Medioevo".

Lungo questo percorso transitavano costantemente persone, animali e merci. Il sentiero, oltre a essere battuto da mercanti e persone di passaggio, era costantemente sorvegliato: nella zona oggi emiliana, all'inizio del XVI secolo passavano in perlustrazione le guardie del Papa, mentre sul versante toscano erano i gendarmi del granduca di Toscana a controllare il territorio.

Per attraversare il confine era necessario pagare un dazio; la storia di questa antica dogana si conserva nel nome di una fonte, ancora oggi chiamata "La Gabelletta" (Cai 5), mentre il confine è ricordato in un passo detto "del Termine" (Cai 143)". Le dogane, tuttavia, venivano spesso aggirate, come dimostrano i toponimi "Portafranca" e "Poggio dei Malandrini" (Cai "00") presenti nella valle dell'Orsigna, da contrabbandieri che, attraverso mille pericoli e nel cuore della notte, portavano il Sale dal versante Emiliano a quello Toscano.

Ed è da qui che nasce l'idea per questa corsa: rivivere ad'oggi le avventure di questi contrabbandieri attraverso un percorso che si snoda tra i sentieri del nostro bellissimo appennino. E oggi come allora la partenza sarà in notturna per poi arrivare all'Abetone entro il pomeriggio.

Tante piccole novità attendono questa seconda edizione a partire dalla logistica pre e post gara fino ad arrivare alla gestione stessa di questa cavalcata lunga un giorno...

Weitere Infos unter
Mehr Eigenschaften
bergig  GPS erfasst  historisch  weich  rau  steinig  Pfad / Fußweg  Singletrail 

Es sind noch keine Kommentare vorhanden.

Melde dich an, um einen neuen Kommentar zu schreiben

Koordinaten des Startpunktes

N 43°54.616' E 11°04.866'
N 43°54'36.988" E 11°4'52.002"
N +43.9102745 E +11.0811119

Koordinaten des Endpunktes

N 44°08.689' E 10°39.916'
N 44°8'41.342" E 10°39'54.967"
N +44.1448173 E +10.6652688

Weitere Infos unter: Link zu uns

Falls du von deiner Webseite auf diese Strecke verlinken oder als iFrame einbetten möchtest, dann kopiere einfach folgenden Codeschnippsel und binde ihn an einer beliebigen Stelle in deinem Quellcode ein:

kopieren
kopieren
kopieren
kopieren
  • QR Code - Track To Go
    QR Code
  • QR-Codes sind zweidimensionale Barcodes, die jedes Gerät interpretieren kann, auf dem eine QR-Code-Software installiert ist. Lade dir die URL dieser Strecke einfach auf dein Smartphone herunter (erfordert QR Code Software auf deinem Smartphone).